Nel paese in cui la libertà d'informazione è dipendente del potere politico ed economico, cerchiamo di tenere attivi i nostri neuroni al pensiero, alla critica, alla distribuzione della libera informazione.

Pagine

27 dicembre 2010

FINI: LO PRESTI(FLI), ATTENTATO A SCOPO PROPAGANDA? BELPIETRO DELIRA

(ASCA) - Roma, 27 dic - Maurizio Belpietro ''delira''. E' il giudizio di Nino Lo Presti del Fli, commentando l'editoriale del direttore di Libero secondo cui in Puglia qualcuno avrebbe organizzato un attentato contro Gianfranco Fini da mettere in atto in primavera, ad opera di una banda locale. I mandanti sarebbero dovuti risultare ambienti vicini a Berlusconi, cosi' da attribuire la colpa al Presidente del Consiglio. Obiettivo dell'operazione sarebbe stato quello di far aumentare i consensi al leader del Fli. ''L'ultimo suo delirio su un possibile attentato a Gianfranco Fini, a scopo propagandistico, la dice lunga sulle condizioni psichiche di questo giornalista che ha fatto dell'ingiuria e della calunnia il leitmotiv della sua carriera. L'instabilita' di Belpietro e' ormai un dato acquisito - sostiene Lo Presti - cosi' come e' acclarata la sua totale mancanza di coraggio nell'accettare un confronto con il sottoscritto, che ancora attende soddisfazione dopo essere stato definito insieme agli altri colleghi finiani 'traditore'. Il vero traditore di quella che dovrebbe essere la regina delle professioni intellettuali e' proprio lui, che ha ridotto il giornalismo ad un suk di pettegolezzi e falsita'''. Percio', conclude il parlamentare di Fli, ''il chiacchiericcio sul presunto attentato al presidente della Camera si rivela essere la classica manovra di controinformazione degna dei migliori servizi segreti, e non sarebbe il primo caso nel giornalismo italiano e, nella stessa testata che Belpietro dirige''.

Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Nome Cognome