Nel paese in cui la libertà d'informazione è dipendente del potere politico ed economico, cerchiamo di tenere attivi i nostri neuroni al pensiero, alla critica, alla distribuzione della libera informazione.

Pagine

19 novembre 2011

Sinistra che fai? L'Italia e la sinistra di fronte all'Europa della BCE


La drammatica crisi finanziaria ed economica dell'Italia, i dictat dell'Europa e dei tecnocrati della BCE, l'uscita di scena di Berlusconi e la nascita del governo Monti. Sono alcuni dei temi che saranno affrontati da Paolo Ferrero, Fauso Bertinotti, Gennaro Migliore. Un libero confronto a sinistra per immaginare una diversa uscita dalla crisi, del ruolo delle sinistre e del centro sinistra.
SINISTRA CHE FAI? L'italia e la sinistra di fronte all'Europa della BCE.
Mercoledì 23 novembre ore 20.30 Camera del Lavoro C.so di Porta Vittoria Milano


Bookmark and Share

2 commenti:

  1. In tutta onestà, non prevedo che da quel dibattito possa uscire qualcosa di seppur vagamente costruttivo. Nulla di personale contro loro, ma l'esperienza mi ha insegnato che quando, politicamente, si scelgono strade abbastanza "estreme", a furia di inseguire le utopie, si perde di vista la pragmaticità. Sicuramente il Governo Monti non piacerà a nessuno perché avrà l'appoggio di tutti, perché adotterà misure altamente impopolari, ma che sono funzionali all'uscita dalla crisi. Per quanto possano essere giuste o meno, se certi provvedimenti sono necessari, di cosa dobbiamo discutere? Per come la vedo io, l'unica cosa di cui dibattere è l'incapacità bipartisan di assumersi concretamente l'onere di pensare al bene del Paese. Se un decreto o una riforma sono indispensabili, li si fa a prescindere dal calcolo elettorale e, fino ad ora, nessuna fazione politica ha avuto il coraggio di assumersi la responsabilità in tal senso.

    RispondiElimina
  2. Ciao, credo si debbe discutere dell'impostazione che si da all'uscita dalla crisi. Nel senso che qusta crisi ha cause storiche ed economiche ben precise. Se si continua sulla stessa strada non di saranno vie d'uscita per la stragrande popolazione planetaria tranne per chi ha accumulato grandi capitali e per la finanza.
    La crisi del sistema capitalistico non si risolve per le vie percorse sino ad ora.
    Il mercato dell'auto è in crisi (ci hanno venduto + di un'auto per famiglia, che cosa vogliono ancora farci comprare?). Se si satura il mercato si cambi prodotto. Non si può pretendere di coprire il pianeta di consumismo o si pensa che i bisogni e le possibilità di materie prime siano infinite?
    In questo senso ci sono almeno 2 vie per uscire dalla crisi e non una sola come vogliono farci credere.
    Ciao Plasma Solitario

    RispondiElimina

Nome Cognome