Nel paese in cui la libertà d'informazione è dipendente del potere politico ed economico, cerchiamo di tenere attivi i nostri neuroni al pensiero, alla critica, alla distribuzione della libera informazione.

Pagine

16 dicembre 2011

CON LA GERMANIA CI SI CONFRONTA SU QUEL CHE FA COMODO PER FREGARE LAVORATORI E PENSIONATI

Ci hanno chiesto di adeguare l’età pensionabile a quella della Germania. Giusto. A patto però di adeguare alla Germania anche tutto il resto. In Germania dopo 5 anni di mandato un parlamentare prende 961 euro di pensione. In Italia 2486. In Germania lo stipendio medio di un operaio supera i 2500 euro. In Italia non arriva a 1500. In Germania l’asta per l’assegnazione delle frequenze televisive ha fruttato 4,4 miliardi di euro allo Stato, In Italia zero, perché si è deciso di darle gratis, chissà perché. In Germania le chiese pagano le tasse persino sui luoghi di culto. In Italia fanno passare per luoghi di culto esentasse anche certi palazzi romani di proprietà del Vaticano, sui quali non è scattata la rivalutazione catastale. In Germania i libri di testo non sono a carico delle famiglie ma dello Stato, fino al liceo. In Italia è il liceo dello Stato che è a carico delle famiglie. In Germania il 90 per cento degli asili nido sono aziendali e gratuiti, in Italia non te la cavi con meno di 450 euro al mese. Dimenticavo: in Germania i politici indagati per corruzione si dimettono da ogni incarico. In Italia fanno le vittime e, talvolta, i coordinatori regionali di partito.

Massimo Gramellini



Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Nome Cognome