Nel paese in cui la libertà d'informazione è dipendente del potere politico ed economico, cerchiamo di tenere attivi i nostri neuroni al pensiero, alla critica, alla distribuzione della libera informazione.

Pagine

7 ottobre 2011

Referendum: cornuti, mazziati e contenti

Maroni è stato impressionato dalle firme raccolte contro il porcellum in un mese, ma non dalle 350.000 raccolte in un solo giorno per Parlamento Pulito. Questo referendum è una presa per il culo (riuscita!) degli italiani. Le firme sono state raccolte dai partiti dell'ex governo Prodi che non hanno fatto nulla in due anni di governo per cambiare la legge elettorale. Il loro è populismo della peggior specie usato per raccattare voti. Né il mattarellum, né il porcellum prevedono un massimo di due mandati e l'esclusione dei condannati in via definitiva dal Parlamento. Questi politici rimarranno seduti nelle loro poltrone. Se il referendum passerà ci sono due possibilità: verrà cambiata la legge elettorale da coloro che ne hanno goduto i benefici (!?) e sono oggi "nominati" alla Camera e al Senato con esiti più che ovvi, oppure si terrà il referendum anti porcellum nella primavera 2012. In quest'ultimo caso si tornerà al mattarellum con gli italiani a festeggiare in piazza la democrazia e la libertà. In entrambi i casi Parlamento Pulito verrà cancellato, anche mediaticamente. Che vomito.

FONTE


Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Nome Cognome