Nel paese in cui la libertà d'informazione è dipendente del potere politico ed economico, cerchiamo di tenere attivi i nostri neuroni al pensiero, alla critica, alla distribuzione della libera informazione.

Pagine

23 ottobre 2011

Firenze, muore Don Enzo Mazzi. Aprì la stagione cattolica del dissenso


Firenze - (Adnkronos) E' morto a Firenze l'ex sacerdote Enzo Mazzi, che iniziò in Italia la stagione del dissenso cattolico. Il decesso risale a ieri, la notizia si è diffusa in tarda serata. Sarà cremato Mazzi. Una scelta che sembra quasi un'ultima 'provocazione' da un prete sempre 'contro'. 
Don Mazzi, come continuavano a chiamarlo i suoi seguaci, fu animatore della Comunità dell'Isolotto, forse la prima comunità cristiana di base in Italia, che prese il nome dal quartiere di Firenze in cui Mazzi fu sacerdote a partire dal 1954.
A far scoppiare la scintilla della contestazione fu, nel 1968, la decisione di don Mazzi di inviare insieme ai fedeli della sua parrocchia una lettera di solidarietà ai cattolici che avevano occupato la cattedrale di Parma. Era il 31 ottobre 1968. Il cardinale arcivescovo di Firenze Ermenegildo Florit chiese al sacerdote di ritirare quella lettera, oppure di lasciare il suo incarico di parroco. Don Mazzi disse di no al vescovo, e il 4 dicembre dello stesso anno venne rimosso. Numerose furono le manifestazioni di solidarietà nei suoi confronti.
Il prete inizio' a celebrare la messa all'aperto, nella piazza antistante la sua ex parrocchia. Nel 1974 venne sospeso a divinis e ridotto allo stato laicale ma nonostante questo continuo' a celebrare in piazza le 'assemblee eucaristiche', che nelle domenica di brutto tempo avvenivano sotto il loggiato in cui solitamente si tiene il mercato. Non e' mai rientrato nella Chiesa, nonostante i tentativi condotti in questo senso dal cardinale Silvano Piovanelli, oggi arcivescovo emerito di Firenze. Enzo Mazzi ha sempre avuto posizioni divergenti da quelle delle gerarchie ecclesiastiche in temi di aborto, divorzio ed eutanasia; due anni fa accolse a Firenze Beppino Englaro quando al padre di Eluana venne assegnata la cittadinanza onoraria del Comune capoluogo di Regione. L'ex sacerdote verra' ricordato oggi a Firenze dai membri della sua comunita' per un ultimo saluto.


Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Nome Cognome