Nel paese in cui la libertà d'informazione è dipendente del potere politico ed economico, cerchiamo di tenere attivi i nostri neuroni al pensiero, alla critica, alla distribuzione della libera informazione.

Pagine

8 ottobre 2011

APPELLO di ALEX ZANOTELLI: “NO ! all’EDUCAZIONE alla GUERRA nelle SCUOLE“


 APPELLO – contro il D.D.L. n. 2609 - 30 03 2011 –
“NO !  all’EDUCAZIONE alla GUERRA nelle SCUOLE “  (  n. d. r. )
 A tutti i PARTITI e Forze Politiche rappresentate in Parlamento

Quali Cittadini del Mondo, quali Cittadini Italiani
siamo a chiedervi di mettervi in  ascolto rispetto  alla crescita e al progredire della STORIA UMANA , che anche Voi state contribuendo a disegnarla in Parlamento per le Prossime Generazioni, e sommessamente ma con fermezza ora vi chiediamo 
FERMATEVI  !
FERMATEVI dall’ approvare il DDL, delega al Ministero Difesa, per tutte le Scuole di ogni Ordine e Grado "Disposizioni per la promozione e la diffusione della cultura della difesa attraverso la pace e la solidarietà "
DDL n 2609  30/03/‘11-   multipartisan !?!:   - IDV (relatore) – PD – … PDL – LEGA.

Ø  FERMATEVI  dal voler insegnare alle Future Generazioni l’impossibile compatibilità della GUERRA  nel perseguire la PACE, oltretutto perchè  in netta contraddizione ai dettami e allo spirito della  Costituzione all’ art. 11 che esplicitamente enuncia il “ ripudio della guerra “.
I nostri Padri Costituenti seppero dopo Millenni, dopo l’immane tragedia della 2^ Guerra Mondiale, dar corpo allo spirito pacifista dell’ art.11 e questo per i 40 anni successivi fino all’’85 con il  Presidente PERTINI : “SVUOTIAMO GLI ARSENALI E RIEMPIAMO I GRANAI “.


Ø  FERMATEVI nel cammino che si è inaugurato 25 anni fa, percorso fino ad oggi, dove si è invece tentato di giustificare, deformando in modo assurdo l’interpretazione dell’ art. 11, chiamando :  - Missioni di Pace ciò che era GUERRA - Peacekeeping – ciò che era GUERRA – Esportazione della Democrazia ciò che era GUERRA - Bombardamenti Umanitari (78 gg. Serbia e Kossovo )- ciò che era GUERRA - Operazioni di Polizia/Antiterrorismo – ciò che era GUERRA - Bombardamenti Pro-Civili (ora 180 gg ormai, in Libia) - ciò che ora è GUERRA  !!!
Né questo stravolgimento di parole potrà ora essere suffragato dal giustificarlo con il DDL  n.2609 agli occhi dei Giovani nelle Scuole, anzi  diventa effettiva manipolazione delle Coscienze delle Future Generazioni .

Ø  PARTITI , Forze Politiche Tutte , siate il vero sale della democrazia,
o     vogliate recuperare l’ eredità dell’ ultimo PERTINI,
o    vogliate essere testimoni e portatori di un tempo profetico della Storia scoprendo nel vostro operato la “PACE come strada che conduce alla PACE “: la NONVIOLENZA .
Ø   PARTITI , non avete bisogno di “giustificarVi “, con l’approvare il DDL N 2609, con le Future Generazioni, capiranno da sé i corsi e i ricorsi della Storia, se saprete ora additare Loro invece la NONVIOLENZA, quale  prossima tappa fondamentale della Storia dell’ Uomo, dopo i millenni trascorsi  nella barbarie della  Violenza dell’ Uomo sull’Uomo.

Ø  PARTITI ,  “BUTTIAMO LA GUERRA FUORI DALLA STORIA “ , questa l’affermazione, il proclama di vita di uno speciale Medico del nostro tempo – GINO STRADA – ad accompagnare e guidare il cammino dei Giovani, sulla scia dei  GANDHI, CAPITINI, MARTIN LUTHER KIMG ( io ho un sogno …), Don MAZZOLARI (non uccidere ), Don MILANI (nessuna guerra è giusta), BERTRAND RUSSELL, ecc.

Ø  PARTITI, la vera riforma di cui ha bisogno la SCUOLA è che si attrezzi sul serio alla promozione e alla diffusione della Cultura VERA della PACE, che è educazione a risolvere i conflitti con metodi NONVIOLENTI.


Ø  PARTITI , Sì a dare solo quegli strumenti fondamentali, dei nostri Padri della Costituzione e di quei Pensatori precursori la NONVIOLENZA, alle Future Generazioni affinché siano Esse stesse artefici del Loro Futuro rispettoso sempre e comunque dell’ ESSERE UMANO .

- PARTITI - NO! al DDL n. 2609 nelle Scuole -
- PARTITI - NO ! all’ EDUCAZIONE alla GUERRA nelle Scuole di ogni Ordine e Grado !

Primo firmatario :  Alex Zanotelli




Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Nome Cognome