Nel paese in cui la libertà d'informazione è dipendente del potere politico ed economico, cerchiamo di tenere attivi i nostri neuroni al pensiero, alla critica, alla distribuzione della libera informazione.

Pagine

21 settembre 2011

Grecia, Roche non vende più farmaci agli ospedali pubblici

Il colosso farmaceutico svizzero Roche ha tagliato le spedizioni di medicinali agli ospedali pubblici greci. «Non pagano da più di tre anni» ha dichiarato il direttore generale della multinazionale del farmaco Severin Schwan, commentando la decisione che riguarda in particolare i farmaci per la cura del cancro. I debiti con la casa farmaceutica contratti negli ultimi 18 mesi sono pari a 1,9 milioni di euro, di cui è stato restituito solo il 37%. Nel 2010 gli ospedali avevano pagato la Roche con 400 milioni in bond greci. Non un grande affare per la casa svizzera, che ha visto i suoi debiti trasformarsi in debiti della Grecia. È tutto il comparto sanitario a vacillare, con sotto una voragine da otto miliardi di euro, secondo le stime dell'Associazione ellenica delle compagnie farmaceutiche. Ora nel mirino ci sono le altre aziende ospedaliere statali d'Europa. La sanità pubblica spagnola, secondo quanto riporta El Pais, mostra i primi segni di cedimento: alcuni ospedali di Castilla y Leon hanno ritardi nei pagamenti che arrivano a circa 900 giorni, cioè, quasi tre anni. Finora esclusa la sanità italiana.
DoctorNews 21/09/2011


Bookmark and Share

1 commento:

Nome Cognome