Nel paese in cui la libertà d'informazione è dipendente del potere politico ed economico, cerchiamo di tenere attivi i nostri neuroni al pensiero, alla critica, alla distribuzione della libera informazione.

Pagine

1 maggio 2011

LA CORTE DI GIUSTIZIA BOCCIA IL REATO DI CLANDESTINITA' - la sentenza

La Corte di Giustizia,  con sentenza del 28 aprile 2011, ha affermato che il reato di clandestinità introdotto nel diritto italiano è contrario alla normativa europea che tutela la dignità umana e il corretto rapporto tra mezzi e fini, per rendere effettivo l'ordine di espulsione e il rimpatrio, ove ne ricorressero le condizioni.
La sentenza della Corte di Giustizia del 28 aprile 2011 riporta sul binario della tutela dei diritti fondamentali e inviolabili della persona la legge italiana del 2009, che pertanto il Giudice italiano è ora tenuto a disapplicare.
Non e' una sentenza di "sinistra".
E' solo il riconoscimento che gli Stati devono rispettare i diritti dell'uomo, che non sono ne' di destra, ne' di centro, ne' di sinistra, in quanto ogni persona è un essere umano.
Il diritto penale di ogni Stato membro dell’Unione Europea deve rispettare i principi comunitari, nella specie contenuti in una Direttiva che l'Italia, nell'indifferenza quasi generale, non aveva recepito.
Il mancato recepimento ha spinto la Corte europea ad invitare i Giudici nazionali, secondo i principi consolidati a livello europeo, a disapplicare la norma italiana che sanzionava penalmente il fatto del "clandestino" che non avesse ottemperato all'ordine di espulsione permanendo sul territorio dello Stato in condizione irregolare. 

Antonella Fachin


Bookmark and Share

2 commenti:

  1. Il reato di clandestinità è un assurdo giuridico...

    RispondiElimina
  2. I giudici ora devono applicare la sentenza e lo faranno. I politici?

    RispondiElimina

Nome Cognome