Nel paese in cui la libertà d'informazione è dipendente del potere politico ed economico, cerchiamo di tenere attivi i nostri neuroni al pensiero, alla critica, alla distribuzione della libera informazione.

Pagine

31 maggio 2011

2 GIUGNO - FESTA DELLA REPUBBLICA E DELLA COSTITUZIONE

RITROVO E PARTENZA CORTEO
Bastioni di Porta Venezia · ore 14.00

COMIZI CONCLUSIVI PIAZZA CASTELLO
Testimonianza di:
OSCAR LUIGI SCALFARO

Interventi di:
Rosa Gelsomino, ACLI
Giorgio Oldrini, Vicepresidente ANCI Lombardia
Carlo Smuraglia, Presidente Nazionale ANPI
Susanna Camusso, Segretario Generale CGIL

Musiche: VIII Ricter
Presenta: Giovanna Zucconi
ACLI - ANPI NAZIONALE - ARCI - ASSOCIAZIONE ADESSO BASTA
ASSOCIAZIONE CULTURALE PUNTO ROSSO - CASA DELLA CARITÀ - CASA DELLA CULTURA - CGIL
IL POPOLO VIOLA MILANO - LIBERA. ASSOCIAZIONE, NOMI E NUMERI CONTRO LE MAFIE - LIBERTÀ E GIUSTIZIA

IL COMITATO PROMOTORE:
- Acli - Casa della Cultura
- Anpi Nazionale - CGIL
- Arci - Il Popolo Viola Milano
- Associazione Adesso Basta - Libera. Associazione, nomi e numeri contro le mafie
- Associazione Culturale Punto Rosso - Libertà e Giustizia
- Casa della Carità

Noi, lo scorso anno a Milano, abbiamo festeggiato il 2 giugno con una grande manifestazione che affermava il legame indissolubile fra la Repubblica e la Costituzione, riconoscendo le loro comuni radici nella Resistenza, quale moto popolare di donne e di uomini che ha liberato il Paese dall’occupazione tedesca, dalla dittatura fascista e riunificato l’Italia.
La guerra di Liberazione e poi la proclamazione della Repubblica pongono un suggello al Risorgimento ed a una rinnovata unificazione del Paese, facendo riconoscere gli Italiani, non più e non solo in confini geografici, ma in valori e precetti comuni: quelli della Carta Costituzionale!  La Costituzione è base della nostra libertà e del nostro vivere civile.

In essa sono scolpiti i pilastri della nostra democrazia:
- i diritti umani e sociali, la partecipazione della cittadinanza alla vita sociale e politica;
- la passione egualitaria, cioè la passione verso i diritti di cittadinanza, egualmente riconosciuti a tutti. A partire dal diritto al lavoro e alla formazione, eliminando gli impedimenti e gli ostacoli e creando le condizioni al suo esercizio effettivo;
- l’autonomia e la separazione dei poteri (legislativo, esecutivo, giudiziario), compreso quello dell’informazione; e la loro indipendenza, la loro laicità e l’equilibrio tra di essi.

La Costituzione è come un albero, radicato nella terra in cui nasce e cresce. Si può potarlo o innestarlo, ma non si può sradicarlo dalla sua terra, senza farlo morire. Oggi questi pilastri e questi principi sono a rischio. E dunque la stessa democrazia può entrare in crisi e correre rischi di svuotamento e di involuzione.
Gli attacchi del Governo e della sua maggioranza parlamentare alla Costituzione e alle Istituzioni di garanzia, finiscono per delegittimare le regole fondamentali su cui si basa la civile convivenza e sulle quali si può costruire, per i giovani, una vita serena e dignitosa ed una speranza per il futuro.
Noi non possiamo più tollerare gli insulti alla Corte Costituzionale ed alla Magistratura, le surrettizie proposte di modifica all’articolo 1 della Costituzione, così come quella di abolire il divieto di ricostituzione del Partito Fascista.
Il 12 e 13 giugno si voterà per i referendum.
I Beni Comuni sono obiettivi della società solidale e prospettiva di salvezza del pianeta.
I referendum sono uno strumento di democrazia diretta tutelati dall’articolo 42 della
Costituzione.
Noi non ci rassegniamo!
Per questi motivi chiediamo ancora una volta a tutti coloro che si riconoscono nei principi
fondamentali della Carta Costituzionale e nei suoi fini, di dare luogo il prossimo 2 Giugno a
Milano ad una grande manifestazione contro ogni tentativo di modificare i principi fondamentali
della Costituzione e il significato storico e sociale della proclamazione della Repubblica.
Comitato 2 giugno.
Insieme per la Costituzione Repubblicana 


Bookmark and Share  

Nessun commento:

Posta un commento

Nome Cognome