Nel paese in cui la libertà d'informazione è dipendente del potere politico ed economico, cerchiamo di tenere attivi i nostri neuroni al pensiero, alla critica, alla distribuzione della libera informazione.

Pagine

12 gennaio 2011

SONO DI SINISTRA PERCHE' ...


  • Sono di sinistra perché dico no al ricatto di Marchionne. Perché sui diritti fondamentali non si discute. Perché per nessuna ragione al mondo nessuno può togliere ad una persona ciò per cui migliaia di altre persone sono morte combattendo. Perché non c'è strategia o tattica politica che tenga quando in gioco c'è la Costituzione e la Libertà individuale.
  • Sono di sinistra perché credo fortemente nella laicità dello Stato. Perché l'articolo 7 e l'articolo 8 della Costituzione Italiana promuovono la libertà di ciascuna religione, l'uguaglianza di ciascuna religione davanti alla legge e l'indipendenza di Stato e Chiesa. 
  • Sono di sinistra perché dico no al razzismo. Perché razzismo significa ignoranza. Perché signori illustri nel corso della Storia ci hanno mostrato la via giusta. Perché, ancora una volta, la nostra Costituzione tutela le diversità razziali e culturali. Perché non sarei degno di vivere se discrminassi un altro uomo tale e quale a me.
  • Perché amo la mia Costituzione.
  • Perché credo che i diritti civili siano diritti umani. Perché l'unica differenza tra me e un gay è l'orientamento sessuale. Perché se convivo da 10 anni con la donna che amo ritengo di avere il diritto di poterle stare accanto qualora fosse ammalata in ospedale. Perché civiltà è libertà.
  • Perché sto dalla parte dei più deboli. Perché un'opportunità va data a tutti. Perché le carceri sono troppo spesso riempite da persone a cui la vita ha voltato le spalle. Perché tocca allo Stato riparare alle situazioni di disagio di tutti.
  • Perché Rousseau aveva ragione: "La democrazia esiste laddove non cè nessuno cosi ricco da comprare un altro, e nessuno cosi povero da vendersi"
  • Perché ritengo che l'acqua deve essere pubblica. Perché non si specula su ciò che ci permette di vivere. Perché altrimenti sarebbe giustificabile la privatizzazione dell'aria. Perché qualcosa deve pur rimanere di tutti. Perché abbiamo già abbastanza cose da pagare un occhio della testa.
  • Perché dico no alle centrali nucleari. Perché l'energia deve essere pulita. Perché non si sa come risolvere il problema delle scorie. Perché in Italia si costruiscono le case con la sabbia, immaginiamo le centrali nucleari. Perché il resto del mondo le smantella. Perché ci vogliono 20 anni per realizzarle, e 20 miliardi di euro. Perché no.
  • Perché la libertà non è quella commerciale, la libertà è umana.
  • Perché sono sicuro che l'istruzione e la cultura sono alla base di un paese che si definisce tale. Perché l'educazione è alla base della civiltà. Perché la scuola e l'università da finanziare è solo quella pubblica. Perché anche chi ha meno possibilità economiche deve poter arrivare dove arriva un miliardario.
  • Perché la guerra non è mai la soluzione.
  • Perché la pace e il dialogo sono le uniche soluzioni.
  • Perché credo che l'aborto e il divorzio siano diritti inviolabili.
  • Perché ritengo che l'Italia abbia bisogno di Sinistra. Perché Berlusconi è un ostacolo allo sviluppo in tutti i sensi.
  • Perché non dico mai "sono tutti uguali". Perché sarebbe una mancanza di rispetto nei confronti di chi la Politica, con la P maiuscola, la fa mettendoci cuore, anima e tutto se stesso.
  • Perché non accetto i pregiudizi.
  • Perché non accetto l'ignoranza.

Sono di sinistra perché non smetterò mai di lottare per ciò in cui credo.
 
Michele Pellerzi


Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Nome Cognome