Nel paese in cui la libertà d'informazione è dipendente del potere politico ed economico, cerchiamo di tenere attivi i nostri neuroni al pensiero, alla critica, alla distribuzione della libera informazione.

Pagine

3 gennaio 2011

"Ma quale isolamento, è solo propaganda" Landini rivendica la battaglia della Fiom


"Ma quale isolamento, è solo propaganda" Landini rivendica la battaglia della Fiom

Il leader delle tute blu torna sugli accordi separati per Pomigliano e Mirafiori. E al Pd manda a dire: "Non avete capito la portata di quanto è accaduto, stanno cercando di cancellare il sindacato più rappresentativo"

ROMA - Il 2011 sarà un anno di aspro confronto e di battaglie sindacali, non certo di isolamento e marginalità. Ne è convinto il leader della Fiom Maurizio Landini che in un'intervista all'agenzia Agi

Landini spiega nuovamente l'interpretazione data dalla Fiom alle ultime scelte della Fiat. Un giudizio talmente negativo da spazzare via anche le obiezioni e le critiche mosse dal Pd all'oltranzismo delle tute blu. "Sarebbe utile - spiega il sindacalista - che le forze politiche valutassero fino in fondo la portata di quello che è avvenuto. Nella storia della nostra Repubblica non è mai successo che si facciano degli accordi con i quali si cancella il contratto nazionale e la presenza dei sindacati rappresentativi. La Fiom, nel settore metalmeccanico e anche alla Fiat, è il sindacato maggiormente rappresentativo come iscritti e come voti. Che si arrivi a un accordo in cui le persone che lavorano non hanno nemmeno più il diritto di eleggere i propri delegati, credo che sia di una gravità senza precedenti".



Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Nome Cognome