Nel paese in cui la libertà d'informazione è dipendente del potere politico ed economico, cerchiamo di tenere attivi i nostri neuroni al pensiero, alla critica, alla distribuzione della libera informazione.

Pagine

7 dicembre 2010

MILANO: Scala, incidenti e proteste nel giorno della "Valchiria"

17.01 Applausi per Napolitano
Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, è stato accolto dagli applausi. Scortato dal sindaco Letizia Moratti e dal sovrintendente Stephane Lissner, ha rimarcato il suo impegno nel rendere "omaggio sempre alla grande tradizione del teatro italiano che la Scala rappresenta".

16.50 Lissner: "Bondi non c'è? Avrà altro da fare"
"Avrà altro da fare". Così il sovrintendente Lissner ha commentato l'assenza del ministro della Cultura, Sandro Bondi, alla prima. "Non commento, mi dispiace", si è limitato ad aggiungere.
16.42 Lissner: "E' così in tutta Europa"
"E' così in tutta Europa, è triste". Così il sovrintendente della Scala, Stephane Lissner, ha commentato gli incidenti in piazza.

16.22 Situazione sotto controllo

Non sono più di un centinaio i giovani dei collettivi universitari e studenteschi che sono stati caricati da polizia e carabinieri che li hanno spinti a colpi di manganello in fondo a piazza della Scala. Le forze dell'ordine in assetto antisommossa e i giovani, molti dei quali indossano un cappellino da Babbo Natale, una decina quelli con i caschi, si fronteggiano proprio sotto Palazzo Marino ma la situazione, pur essendo molto tesa, è al momento sotto controllo. Un altro robusto cordone di poliziotti blocca l'ingresso e l'uscita, anche dei molti turisti, dalla Galleria Vittorio Emanuele. Gli incidenti hanno cambiato volto e clima alla manifestazione dei rappresentanti della cultura, del teatro e deri sindacati contro i tagli previsti dalla Finanziaria.

16.12 Feriti un poliziotto e un carabiniere
Un funzionario della questura di Milano e un carabiniere sono rimasti feriti nel corso dei tafferugli. Il poliziotto è rimasto leggermente ferito alla testa ed è stato medicato sul posto da un'ambulanza, mentre il carabiniere è rimasto coinvolto nell'esplosione di una bomba carta e in questo momento è medicato dagli operatori del 118.

16.08 Moni Ovadia: "La cultura non è spreco"
E' un Moni Ovadia "furibondo" quello arrivato in piazza della Scala per unirsi alla protesta dei lavoratori del teatro . "La cultura non è uno spreco - dice Ovadia - Per un euro investito in cultura ne ricadono tra i 4 e i 12 sul territorio".

Bookmark and Share

Nessun commento:

Posta un commento

Nome Cognome