Nel paese in cui la libertà d'informazione è dipendente del potere politico ed economico, cerchiamo di tenere attivi i nostri neuroni al pensiero, alla critica, alla distribuzione della libera informazione.

Pagine

15 dicembre 2010

MILANO: MOBILITAZIONE CITTADINA CONTRO L'APERTURA DELLA SEDE DI FORZA NUOVA, SABATO 18 DICEMBRE 2010 - 3 COMUNICATI STAMPA



APPELLO

 A TUTTE LE CITTADINE E I CITTADINI DI MILANO CHE SI RICONOSCONO NEI VALORI DELLA COSTITUZIONE REPUBBLICANA NATA DALLA LOTTA DI RESISTENZA PER LIBERARE IL NOSTRO PAESE DALLA DITTATURA NAZI-FASCISTA

Nei giorni scorsi Forza Nuova era stata autorizzata ad aprire una sede in Corso Buenos Aires a Milano, in  locali di proprietà dell’Amministrazione Comunale di Milano.
Come ben sapete, Forza Nuova,  è una organizzazione di stampo neofascista.
I sottoscrittori in calce a questo appello  sgomenti e preoccupati per la gravità e la portata di tale iniziativa avevano promosso una manifestazione e pressioni Istituzionali per far revocare tale concessione.
La nostra mobilitazione ha ottenuto un primo risultato ed il Comune, lunedì 13, ha notificato ai neofascisti la cancellazione della disponibilità alla apertura di una loro sede in quei locali.
Ciò nonostante Forza Nuova ha confermato la sua intenzione di prendere possesso di quella sede trovandosi, inoltre, spalleggiata da esponenti di primo piano del PdL come Marco Osnato Vice coordinatore cittadino, il consigliere Aldo Brandirali della lista Moratti e Roberta Capotosti consigliera provinciale del PdL.  
Ancora una volta una parte della destra spalleggia chi  infanga la memoria di Milano città medaglia d’Oro della Resistenza legittimando richieste di spazi organizzativi e politici a forze che hanno sempre osteggiato la democrazia e la nostra Repubblica nata dalla Resistenza antifascista.

Noi non possiamo e non vogliamo stare fermi; non si può non vedere in questo gesto di Forza Nuova e di chi la legittima  politicamente una provocazione  che rischia di alimentare tensioni di cui francamente la nostra città e la nostra democrazia non ne ha bisogno.

Per questo chiediamo alle cittadine e ai cittadini di Milano di testimoniare il loro sdegno  e la loro  opposizione partecipando al presidio antifascista indetto per

SABATO 18 DICEMBRE 2010
PIAZZA OBERDAN ORE 14,30
Aned Milano                                                                      
Fondazione Aldo Aniasi                          
Anpi Milano                                                          
Istituto Studi Storici G. Salvemini- Torino
Anpi Varzi
Italia dei Valori
Anpi Voghera                                                                      
Libera Milano
Arci Milano                                                                       
Lista Civica Un’Altra Provincia
Associazione Adesso Basta                                         
Memoria Antifascista Coordinamento Milanese
Associazione Archivio del Lavoro
Osservatorio Democratico sulle nuove Destre
Associazione Casa Gramsci – Ghilarza                        
Partito dei Comunisti Italiani
Associazione Culturale Punto Rosso                                    
Partito Democratico
Associazione Memoria Storica-Giovanni Pesce
Partito Socialista Italiano
Associazione 1° Marzo                        
Rifondazione Comunista
Casa della Cultura Milano
Sinistra Ecologia Libertà
CGIL Camera del Lavoro Metropolitana di Milano
Unione degli Studenti
Comitato permanente Antifascista zona 8                  
Verdi Milano
Comitato Antifascista per la difesa della Democrazia zona 6
Comunità Ebraica Milano
Federazione della Sinistra
FIAP
----------------------------
COMUNICATO STAMPA

Il PdL difende Forza Nuova, penosa conferma di un legame che non si vuole recidere

Sbalorditivo il Consigliere PdL-ciellino Brandirali, in versione neo-Biancaneve nel difendere gli indifendibili picchiatori di Forza Nuova.

Ma come, per una volta che il Comune dimostra un minimo di attenzione alla coscienza democratica e antifascista della città, rimangiandosi una decisione sbagliata e superficiale, dobbiamo assistere alla auto-rivolta dei Consiglieri PdL?

No, caro Brandirali, non si può sostenere che “Forza Nuova”non è responsabile di “eventuali scontri”, quando da anni tenta di entrare nei Licei milanesi con aggressioni e pestaggi agli studenti (Manzoni, Parini, Volta, ecc.) e sviluppa pratiche politiche da Codice Penale.

Ai Consiglieri PdL conviene stare zitti, oppure andare a discutere con l’Assemblea dei genitori del Liceo Volta che hanno chiesto, come i Consiglieri Comunali di Opposizione, come l’ANPI, come i commercianti di Corso Buenos Aires, di non aprire spazi inevitabilmente forieri di potenziali pericoli e disordini.

Oggi leggiamo sui giornali che i durissimi forzanovisti “se ne fregano” del Comune, ed il 18 inaugureranno ugualmente la sede.

Chiediamo a tutti i Democratici di ignorare i picchiatori, ed al Vice Sindaco De Corato di attivarsi per mantenere la legalità ed impedire una ulteriore occupazione abusiva.

Siamo sicuri che si attiverà, smentendo così le Cassandre comuniste che parlano di contiguità politica fra questa maggioranza PdL – Lega e la galassia neo-nazista

Francesco Rizzati
Capogruppo in Consiglio Comunale
Comunisti Italiani – Federazione della Sinistra

Milano, 14 dicembre 2010
---------------------
Comunicato stampa di Luciano Muhlbauer

FORZA NUOVA:
COMUNE E QUESTURA PONGANO FINE ALLE AMBIGUITÀ. CONFERMATA LA MOBILITAZIONE ANTIFASCISTA PER IL 18 DICEMBRE
 
L'Amministrazione comunale di Milano deve chiarire immediatamente a che gioco sta giocando, visto che prima revoca lo spazio di corso Buenos Aires ai neonazisti di Forza Nuova e poi, invece, diversi esponenti istituzionali del Pdl annunciano che accompagneranno Forza Nuova nel suo tentativo di occupare lo stesso i locali sabato prossimo.
Infatti, non solo Forza Nuova ha annunciato che non riconsegnerà i locali di proprietà comunale e che sabato 18 dicembre scorrazzerà in giro per il centro città, ma due consiglieri comunali del Pdl, Aldo Brandirali e l''ex missino Marco Osnato, e un consigliere provinciale del Pdl, Roberta Capotosti, anche lei ex-missina, hanno dichiarato che saranno a fianco dei neonazisti.
Una vera e propria schizofrenia, tra revoche e disobbedienza alla revoche, che fa venire il dubbio che qualcuno a Palazzo Marino voglia fare il doppio gioco e trasformare l'ultimo weekend prenatalizio dei milanesi in una scampagnata nazifascista e antisemita a Porta Venezia o, chissà, da qualche altra parte in centro.
Ecco perché chiediamo al Comune di Milano, ma anche alla Prefettura e alla Questura, di porre fine alle ambiguità, chiarendo una volta per tutte che ai neonazisti non saranno concessi spazi pubblici e palcoscenici.
Da parte nostra, essendo allo stato attuale confermata l'iniziativa di Forza Nuova, con tanto di appoggio di rappresentanti istituzionali del Pdl, confermiamo anche la nostra mobilitazione antifascista, rilanciando l'appello a partecipare all'appuntamento, convocato da un arco di forze molto ampio e significativo, in piazza Oberdan, alle ore 14.30 di sabato 18 dicembre.

Nessun commento:

Posta un commento

Nome Cognome