Nel paese in cui la libertà d'informazione è dipendente del potere politico ed economico, cerchiamo di tenere attivi i nostri neuroni al pensiero, alla critica, alla distribuzione della libera informazione.

Pagine

30 novembre 2010

IN MEMORIA: MARIO MONICELLI, ADDIO ALL'ULTIMO GRANDE DELLA COMMEDIA ITALIANA

Durante la manifestazione "Rai per una notte" organizzata da Michele Santoro a Bologna è stata trasmessa anche una intervista ad uno dei più noti registi italiani.  
"Questa è una bella lotta - ha detto - una rivoluzione. Ci vuole qualcosa che riscatti questo popolo, che si è sempre stato sottoposto, schiavo di tutto".


Roma - (Ign) - Il regista italiano si è lanciato dal quinto piano dell’ospedale San Giovanni di Roma, dove era ricoverato da ieri. Aveva 95 anni. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato Celio. Oltre 50 regie, ha collaborato con tutti i più importanti attori italiani, da Sordi a Totò. I 95 anni di Monicelli: ''Più che le candeline spengo la cinepresa''

Bookmark and Share

2 commenti:

  1. Adolfo Rm
    DI UN VERISMO "AGGHIACCIANTE" LE PAROLE DI MONICELLI DURANTE INTERVISTA A RAI PER UNA NOTTE, DOVE DEFINISCE IL POPOLO ITALIANO COME EFFETTIVAMENTE E': QUALUNQUISTA, EGOISTA, PECORONE IN QUANTO ASSURDAMENTE DOCILE CON I PADRONI, SENZA UN MINIMO DI DIGNITA', UN POPOLO DA SOTTOMETTERE E SEMPRE, O QUASI, SOTTOMESSO, CHE NON HA MAI AVUTO IL CORAGGIO DI RIBELLARSI CON UNA RIVOLUZIONE, NEL VERO SENSO DELLA PAROLA E CHE, INFINE, CREDE ALLA "TRAPPOLA" DELLA SPERANZA, PAROLA MOLTO USATA DAI POTENTI COME "CONTENTINO" PER I SUDDITI.CONCLUSIONE DEL GRANDE ARTISTA: O SI RIBELLANO, GLI ITALIANI, O CADRANNO SEMPRE PIU' NEL PROFONDO DEL BARATRO.

    RispondiElimina
  2. ciao Adolfo, hai ragione, ho avuto anch'io lo stesso tremendo senso profetico delle sue parole. E' proprio vero, CREDE ALLA "TRAPPOLA" DELLA SPERANZA, PAROLA MOLTO USATA DAI POTENTI COME "CONTENTINO" PER I SUDDITI.CONCLUSIONE DEL GRANDE ARTISTA: O SI RIBELLANO, GLI ITALIANI, O CADRANNO SEMPRE.

    Non userò più la parola speranza, è una trappola infernale da cui poi è difficile rialzare la testa per uscire dalle schiavitù e ribellarsi.

    Come la storia insegna nulla dei diritti è dato dal potere gratis, le conquiste sono date solo se il potere è costretto dagli eventi e dalle rivoluzioni che hanno liberato i popoli da sempre nelle grandi e meno grandi conquinste umane sociali.

    buona serata
    Luciana

    RispondiElimina

Nome Cognome