Nel paese in cui la libertà d'informazione è dipendente del potere politico ed economico, cerchiamo di tenere attivi i nostri neuroni al pensiero, alla critica, alla distribuzione della libera informazione.

Pagine

18 settembre 2010

DUE DONI DI DIO O 106 MORTI?

Nella foto (da Wikimedia Commons): moscoviti rendono omaggio ad Anna Politkovskaja.
Il premier Silvio Berlusconi è in viaggio a Mosca. Ghiotta occasione per dar libero sfogo alla sua demenza senile. Davanti agli sguardi attoniti dei presenti e degli stessi protagonisti del suo elogio, il Cavaliere ha dichiarato: "Medvedev e Putin sono un dono del Signore". L'ilarità dei giornalisti presenti è stata soffocata solo dalla presenza dell'Esercito e delle spie al soldo del dittatore russo e del suo portavoce, che avrebbero potuto in uno dei mille modi che Putin in qualità di ex agente del KGB conosce bene essere "eliminate" fisicamente. C'è da chiedersi allora quale Dio prega e in quale Dio crede Berlusconi. Difficile che sia lo stesso che proclama l'uguaglianza tra tutti gli uomini, l'amore gratuito disinteressato e la filosofia del porgi l'altra guancia. A meno che l'altra guancia non sia un fucile, qualche grammo di antrace, una bustina di polonio o un kalashikov. Ma forse è chiaro: il Dio di Berlusconi è quello che il Cavaliere vede ogni mattina allo specchio. Ecco l'elenco dei 106 giornalisti uccisi in Russia negli ultimi anni. Che in qualche modo abbiano avuto un ruolo anche i due "doni del Signore"? C'è anche un italiano. Ma chi se ne frega: era solo un radicale.
Antonio Russo, giornalista di Radio Radicale, ucciso in Georgia attraverso lo schiacciamento del torace, un metodo tipico dei servizi segreti sovietici. Russo era in procinto di rientrare in Italia per portare nuove testimonianze e documenti sull’atrocità della guerra in Cecenia. Il suo corpo privo di vita è stato trovato sulla strada dove si trovava la base russa di Vasiani. Anna Politkovskaja, del quotidiano Novaya Gazeta, Mosca,
Ilyas Shurpayev, giornalista Dagestano responsabile per la copertura delle notizie del Caucaso Settentrionale su Channel One; muore strangolato con una cintura a Mosca. Gaji Abashilov, responsabile della Tv di Stato del Daghestan, VGTRK, fucilato nella sua auto. Magomed Yevloyev, proprietario di Ingushetiya.ru, ucciso a colpi di pistola in un’auto della polizia. Khabarovsk Konstantin Brovko, giornalista della compagnia televisiva “Gubernia”, ucciso a Khabarovsk. Ivan Safronov, militare opinionista del quotidiano “Kommersant”. Morto a Mosca il 2 marzo; la causa della sua morte non è mai stata chiarita. Vadim Kuznetsov, redattore capo della rivista “World and home. Saint Petersburg”, ucciso a San Pietroburgo. Vaghif Kochetkov, del quotidiano Trud (Labor), ucciso a Tula; Ilya Zimin, ha lavorato per il canale televisivo NTV Russia, ucciso a Mosca. Vyacheslav Akatov, reporter speciale dello show televisivo “Business Mosca”, ucciso a Mosca. Anton Kretenchuk, cameraman del canale TV 38 °, ucciso a Rostov-on-Don; Yevgeny Gerasimenko, del giornale “Saratovsky Rasklad”, ucciso a Saratov; Vlad Kidanov, giornalista freelance, del Cheboksary; Alexander Petrov, redattore capo, della rivista “Right for Choice”, ucciso vicino a Omsk – nella Repubblica di Altai. Vyacheslav Plotnikov, reporter del canale “41a TV Channel”, Voronezh; Anatoly Voronin, capo del settore commercio di ITAR-TASS; Mosca. Pavel Makeyev, reporter per la SocietàTNT-Pulse, Rostov-sul-Don; Magomedzaghid Varisov, Makhachkala; Alexander Pitersky, reporter di Radio Baltika, San Pietroburgo; Vladimir Pashutin, del giornale Smolensky Literator, Smolensk; Tamirlan Kazikhanov, capo del servizio stampa Anti-terrorismo del Centro Russian Ministry of Internal Affairs’s, Dipartimento per il Distretto Federale Meridionale, Nalchik; Kira Lezhneva, cronista del quotidiano “Kamensky Worker “, nella regione di Sverdlovsk Yefim Sukhanov, ATK-Media, Archangelsk; Farit Urazbayev, cameraman, Vladivostok TV / Radio Company, città di Vladivostok; Adlan Khassanov, Reuters reporter, ucciso a Grozny; Shangysh Mondush, corrispondente per il quotidiano Khemchiktin Syldyzy, Repubblica di Tuya Paul Klebnikov, redattore della versione russa di Forbes Magazine, Mosca; Payl Peloyan, redattore della rivista Armyansky Pereulok, Mosca; Zoya Ivanova, dell’ emittente televisiva BGTRK, Repubblica di Buryatia; Vladimir Pritchin, redattore capo del canale Nord Baikal TV / Radio Company, Repubblica di Buryatia; Ian Travinsky, San Pietroburgo, ucciso a Irkutsk, Aleksei Sidorov. È il secondo redattore capo del giornale locale, “Tolyatinskoye Obozreniye” ad essere ucciso. Yuri Shchekochikhin, Novaya Gazeta, Mosca. Vice redattore della Novaya Gazeta, morì pochi giorni prima del suo viaggio in programma negli Stati Uniti d’America per discutere i risultati della sua inchiesta giornalistica con i funzionari dell’FBI. Ha investigato su alcuni scandali di corruzione delle che ha coinvolto alti funzionari FSB. Shchekochikhin è morto per un “grave reazione allergica” ad una sostanza che presumibilmente è stata identificata come tallio. Dmitry Shvets, della TV-21 Northwestern Broadcasting, morto a Murmansk. E’ stato vice direttore della stazione televisiva indipendente TV-21 Northwestern Broadcasting. E’ stato ucciso al di fuori del suo ufficio. Shvets’ aveva detto ai colleghi di aver ricevuto molteplici minacce per la sua relazione sugli influenti politici locali. Natalia Skryl, del giornale Nashe Vremya, città di Taganrog; Konstantin Pogodin, Novoye, del quotidiano Delo, città di Niznij Novgorod; Valeri Batuev, giornale di Moscow News, Mosca; Sergei Kalinovski, Moskovskiy Komsomolets, Smolensk; Vitali Sakhn-Val’da, fotoreporter, della città di Kursk; Leonid Shevchenko,del giornale Pervoye Chteniye , Volgograd; Valeri Ivanov, redattore capo del Tol’yattinskoye Obozrenie , nella regione Samara; Sergei Zhabin, al servizio stampa del governatore della regione di Mosca; Nikolai Vasiliev, di Cheboksary , Chuvashia; Leonid Kuznetsov, del giornale Mescherskaya Nov’ , della regione di Ryazan; Paavo Voutilainen, redattore principale della rivista Kareliya, Kareliya; Roddy Scott, della Frontline-TV inglese. Alexandr Plotnikov, del giornale Gostiny Dvor, della città di Tyumen; Oleg Sedinko, fondatore della Novaja Volna TV e Radio Company, di Vladivostok; Nikolai Razmolodin, direttore generale della Europroject TV e Radio Company, Ulyanovsk; Igor Salikov, capo del Dipartimento di informazioni di sicurezza dei Moskovskiy Komsomolets, giornale in Penza; Leonid Plotnikov, della casa editrice “Periodici di Mari-El”, Yoshkar-Ola. Eduard Markevich, curatore ed editore del giornale locale Novy Reft, a Sverdlovsk. Viene trovato morto, colpito alla schiena. Ha spesso criticato i funzionari locali ed aveva ricevuto minacce prima dell’assassinio. Vladimir Yatsina, corrispondente di ITAR-TASS, rapito e poi ucciso da un gruppo di Wahhabis in Cecenia Aleksandr Yefremov, Cecenia. Fotoreporter della Siberia occidentale del giornale Nashe Vremya, ucciso in Cecenia dai ribelli. Igor Domnikov, dalla Novaya Gazeta, Mosca. Uno sconosciuto assassino lo colpisce ripetutamente alla testa con un martello, all’ingresso del suo palazzo a Mosca. L’assassino non è mai stato trovato. Sergey Novikov, Radio Vesna, Smolensk. E’ colpito e ucciso nel vano scala del suo appartamento. Ha spesso criticato il governo di Smolensk. Iskandar Khatloni, Radio Free Europe, Mosca. È ucciso di notte con un ascia nel suo appartamento di Mosca da uno sconosciuto. Khatloni lavorava sugli abusi dei diritti umani in Cecenia. Sergey Ivanov, Lada-TV. E’ colpito cinque volte alla testa e al torace davanti al suo palazzo. È stato direttore della Lada-TV, la più grande televisione indipendente nel Togliattigrad. Adam Tepsurgayev, Reuters. Cameraman ceceno, ha prodotto la maggior parte delle riprese Reuters’ dalla Cecenia nel 2000, tra cui gli scatti del ribelle ceceno Shamil Basayev. Cynthia Elbaum. fotografo per Time magazine, Cynthia èstata uccisa nel corso di bombardamenti russi nel 1994. Vladimir Zhitarenko, veterano militare corrispondente per le forze armate russe per il quotidiano Krasnaya Zvezda (Stella Rossa), è colpito da due proiettili di un cecchino al di fuori della città di Tolstoy-Yurt, nei pressi della capitale cecena di Grozny. Nina Yefimova, reporter per il giornale locale “Revival” è stata rapita dal suo appartamento e uccisa insieme a sua madre. Diversi giornalisti a Grozny e a Mosca credono che il suo omicidio sia legato ai suoi articoli sulla criminalità in Cecenia. Jochen Piest. È ucciso in un attacco suicida da un ribelle ceceno nel villaggio di Chervlyonna, a nord-est della capitale cecena. Farkhad Kerimov. Autore delle riprese di Associated Press dei “ribelli” della Cecenia. Non è mai stato stabilito il motivo dell’uccisione. Natalya Alyakina Free-lance corrispondente per la Germania, è uccisa da un soldato vicino alla città meridionale russa di Budyonnovsk. Shamkhan Kagirov. Reporter per il quotidiano di Mosca Rossiyskaya Gazeta e il giornale locale Vozrozheniye, è colpito e ucciso in un agguato in Cecenia.Tre agenti di polizia locale che viaggiavano in automobile con lui vengono anch’essi uccisi. Viktor Pimenov. Fatalmente colpito alla schiena da un cecchino posizionato sul tetto di un edificio a Grozny. Nadezhda Chaikova. Il suo corpo è stato trovato sepolto nel villaggio ceceno di Geikhi bendato e recante segni di percosse. La causa della morte è un colpo d’arma da fuoco. Supian Ependiyev. Muore in un affollato mercato all’aperto nel centro di Grozny, in un raid che causò l’uccisione o il ferimento di centinaia di persone. Secondo altre fonti, morì due giorni dopo. Ramzan Mezhidov. Uccisi in un attacco aereo a un convoglio di rifugiati lungo la Rostov-Baku, strada da Grozny a Nazran nella vicina Inguscezia. Vladimir Yatsina, corrispondente per ITAR-TASS, è rapito e ucciso da un gruppo di Wahhabis. Roddy Scott. Ucciso nella repubblica russa di Inguscezia. Soldati russi hanno trovato il suo corpo nella regione di Galashki, vicino al confine con la Cecenia, a seguito di una sanguinosa battaglia tra le forze russe e un gruppo di combattenti ceceni. Magomedzagid Varisov, scienziato politico e giornalista, è colpito a morte nei pressi della sua abitazione a Makhachkala. Aveva ricevuto minacce e aveva chiesto, senza ottenerla, l’aiuto della polizia locale. Sharia Jamaat ha rivendicato la responsabilità per l’uccisione. Anastasia Baburova, 25 anni, studentessa della scuola di giornalismo. Inseguiva il sicario di Stanislav Markelov, già avvocato di Anna Politkovskaya, difensore delle famiglie dei ceceni rapiti e torturati dalle milizie filorusse, e della famiglia di Elza Kungayev, stuprata e uccisa da militari russi, per conto della quale aveva appena promosso un ricorso contro la scarcerazione del colonnello russo Yurij Budanov, responsabile dell’episodio. Anastasia è morta per un colpo di pistola sulla faccia sparato dal sicario che aveva appena assassinato alle spalle Markelov. Magomed Evloev, fondatore di un sito web molto critico nei confronti dell’amministrazione della repubblica russa d’Inguscezia (Ingushetiya.ru) Serghiei Protazanov, tipografo impaginatore di un giornale locale di opposizione di Khimki, alle porte di Mosca. E poi ancora: Dmitry Krikoryants, Yvan Scopan, Sergei Krasilnikov, Rory Peck, Igor Belozyorov, Vladimir Drobyshev, Aleksandr Sidelnikov, Aleksandr Smirnov, Yuri Soltis, Dmitry Kholodov, Viatcheslav Rudnev, Vladislav Listyev, Vadim Alferyev, Felix Solovyov, Viktor Pimenov, Viktor Mikhailov, Ramzan Khadzhiev, Larisa Yudina, Anatoly Levin-Utkin , Supian Ependiyev, Eduard Markevich, Natalya Skryl, Roddy Scott, Adlan, Khasanov, Pavel Makeev, Maksim Maksimov, Andrei Soloviev, Grigol Chikhladze, Stan Storimans.


Redazione Sconfini

Nessun commento:

Posta un commento

Nome Cognome